Innovazione medica e stampa 3D

Innovazione medica e stampa 3D
Vota questo articolo

Cardiovascular Systems Inc, con sede a St. Paul (Minnesota), è una società di dispositivi medici incentrata sullo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni innovative per il trattamento di malattie delle arterie periferiche e coronariche (PAD e CAD). I sistemi di aterectomia orbitale della società trattano la placca calcificata in vasi arteriosi lungo la gamba e il cuore in pochi minuti di tempo di trattamento. Per aiutare a combattere la battaglia contro CAD e PAD, CSI lavora continuamente per far progredire i propri dispositivi e sviluppare nuove innovazioni. La spinta innovativa di CSI ha ampliato l’utilizzo della stampa 3D su tutti gli aspetti della loro attività, avvantaggiando notevolmente i pazienti attraverso il trattamento efficace dell’aterosclerosi.

Il team di ricerca e sviluppo utilizza la stampa 3D non solo per realizzare dispositivi prototipo, ma anche per simulare ambienti clinici in cui testarli. “Con la stampa 3D, possiamo essere molto veloci nel nostro processo sviluppando un componente prototipo una settimana e poi raccogliere feedback dai medici la prossima settimana“, ha dichiarato Will Besser, un ingegnere che si occupa di sviluppo del prodotto. “La prototipazione rapida brilla davvero, aiuta a ottenere oggetti fisici rapidamente, facendoci risparmiare tempo e denaro”. CSI valuta alcune prestazioni utilizzando modelli stampati in 3D basati su dati di imaging del paziente. L’utilizzo di ricreazioni 3D dell’anatomia reale consente un feedback più rapido e più clinicamente rilevante.

“Prendiamo immagini angiografiche e utilizziamo la modellazione 3D per ricreare la complessa anatomia di diversi vasi coronarici, stampando in 3D un modello realistico e sottoponendolo a prove di stress in diverse situazioni per vedere dove possiamo migliorare il nostro dispositivo“, ha svelato Nick Ellering, responsabile dello sviluppo del prodotto.

La stampa con la tecnologia Stratasys PolyJet consente ai modelli di incorporare nello stesso modello sia i vasi dei tessuti molli sia gli analoghi della calcificazione dura per replicare l’aterosclerosi. Una volta che il dispositivo è stato distribuito in un modello stampato in 3D, CSI divide il modello in due in modo che gli ingegneri possano misurare quanto efficacemente il dispositivo ha rimosso calcificazioni da diversi tipi di vasi. “È un ottimo modo per ottenere un riscontro istantaneo“, ha affermato Jake Draxler, ingegnere di sviluppo prodotto. “Abbiamo anche sperimentato con materiali multicolore e multistrato. Mentre il nostro dispositivo rimuove il materiale della lesione simulato, possiamo facilmente vedere e misurare quanto lontano è in orbita attorno ai livelli multicolori”.

Ti potrebbero interessare ...

Overmach conferma la sua presenza a Mecspe 2018 Grazie all’importante sinergia tra i 12 saloni tematici, MECSPE 2018 è in grado di offrire al visitatore una panoramica davvero completa sui materiali...
La stampante 3D portatile che stampa la ‘pelle’ e ... I ricercatori dell'Università di Toronto hanno sviluppato una stampante portatile 3D che può applicare strati di tessuto cutaneo direttamente sui pazi...
+++++++ Pubblicità +++++++
avatar
  Subscribe  
Notificami