Concerto dell’Immacolata 2018 di Noi per Napoli

L’ASSOCIAZIONE CULTURALE NOI PER NAPOLI 

Presenta

l’8 dicembre 2018 alle h.19.30

presso il Complesso monumentale di Sant’Anna dei Lombardi

Piazza Monteoliveto n.4 Napoli

Il tradizionale

CONCERTO DELL’IMMACOLATA

( Luoghi Storici e Musica)

con la visita guidata della splendida cinquecentesca Sala del Vasari e,novità quest’quest’anno, dell’Ipogeo.

Anche quest’anno per il tradizionale incipit in occasione delle festività natalizie, verrà presentato dall’Associazione Culturale Noi per Napoli il Concerto dell’ Immacolata con l’esecuzione di un repertorio che comprende le piu’ belle ed immortali melodie mariane, quelle meno note ma altrettanto degne di ascolto, di brani sacri di grande ed intensa spiritualita’porranno l’accento sulla figura della Vergine Maria come madre e donna nella sua più vera umanità,presentati attraverso le voci di autori laici,con la finalità benefica di donare alla mensa dei senzatetto della Caritas di Santa Chiara, in Piazza del Gesù a Napoli, generi di prima necessità.

Iniziativa realizzata sempre in collaborazione e con il Patrocinio Morale dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e della Presidenza del Consiglio Regionale della Campania in vista di valorizzare sempre le bellezze ed i tesori del nostro patrimonio storico artistico, promuovendo la conoscenza storica abbinata sempre alla musica ed al Bel canto, rendendoli accessibili ai cittadini napoletani ed agli ospiti in visita a Napoli in questi giorni di festa, un progetto che coniuga arte,cultura e solidarietà.

Gli artisti saranno : il soprano Olga De Maio, il tenore Luca Lupoli, artisti del Teatro San Carlo, il tenore Lucio Lupoli, il flautista M° Andrea Ceccomori, accompagnati dal M° Maurizio Iaccarino pianista, con gli interventi storici del giornalista,storico e critico teatrale Dott. Giuseppe Giorgio.

Foto di Gaetano Del Mauro

Il Concerto sarà preceduto dalla visita guidata al complesso di S.Anna dei Lombardi, della Sala Vasari e dell’Ipogeo dalle h.18.00 su prenotazione !

Contributo Associativo valido per Visita guidata + Concerto 12€

Tickets online

http://www.etes.it/EventiController?az=EventiManager&subaz=getDesc&titolo=Concerto%20Dell%27Immacolata&argomento=43&servizio=9&prodotto=65737

Info e prenotazioni : Associazione Culturale Noi per Napoli 3394545044 3277589936

Tickets point: Every Tour Via S.Brigida n.13 Napoli Tel 0815518654

Edicola Piazza del Gesù

Info point CulTour Naples P.zza Miraglia Napoli 366 3325866

Via mail anoipernapoliart@gmail.com

oppure Sul sito webwww.noipernapoli.it

https://www.facebook.com/AssociazioneNoiPerNapoli/

Via mail a noipernapoliart@gmail.com 
oppure Sul sito web www.noipernapoli.it

https://www.facebook.com/AssociazioneNoiPerNapoli/

Burrata di Puglia: come riconoscere se è fresca e come conservarla

L’esaltazione delle papille gustative ad ogni boccone della tenera e cremosa stracciatella è sicuramente il segno indelebile che accompagna la degustazione di una burrata. Ma perché ciò avvenga è necessario che vengano rispettati requisiti di lavorazione e di qualità severi e rigorosi, che distinguono la burrata di Puglia da prodotti caseari di dubbia provenienza. Vediamo allora come riconoscere se una burrata è fresca e come conservarla senza farle perdere le sue proprietà.

Colore, consistenza e sapore: le caratteristiche di una burrata di puglia fresca

Partiamo dalla forma, che deve essere quella di un sacchetto, con l’involucro esterno che deve essere liscio e misurare circa un 1 cm di spessore. Per la chiusura viene utilizzato uno spago alimentare (filo di rafia verde). Il colore è bianco lucente.

All’interno, la succosa stracciatella (composta da filamenti di mozzarella e panna) è morbida e saporita, sempre di colore bianco. La consistenza è soffice e cremosa. Si consiglia l’assaggio congiunto di stracciatella e sacca esterna per massimizzare il piacere gustativo.

Se il colore tende al giallino e il sapore è leggermente acidulo, la burrata non è fresca.

Come conservare la burrata

La burrata pugliese è un prodotto freschissimo, realizzato con materie prime di alta qualità ma soggette a rapido deterioramento.

Per questo motivo se ne consiglia il consumo nel più breve tempo possibile. La burrata non deve subire sbalzi termici, per cui è opportuno, se non servita subito dopo l’acquisto, conservarla in frigorifero ad una temperatura compresa tra i 4°C ed i 6°C. A queste condizioni, la burrata mantiene le sue proprietà.

Se conservata in frigorifero, prima di consumarla, al fine di poter assaporarne il gusto pieno, bisogna che torni a temperatura ambiente in maniera naturale, lasciandola nel suo contenitore e senza utilizzare alcun tipo di fonte di calore.